In attesa dell’approvazione del nuovo decreto vediamo i punti salienti.

Un nuovo decreto anti Coronavirus pronto al varo, composto da 113 articoli,  riguarderà   la sanità, la famiglia e le imprese. Il testo, sottolineano fonti di governo, è ancora soggetto a revisione e dunque suscettibile di modifiche: dovrà essere infatti vagliato anche dai tecnici nel pre-consiglio, prima di arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri in serata.

I punti più salienti in sintesi  sono : 

-congedi per i genitori che hanno figli sotto i 12 anni, costretti a casa dalla chiusura delle scuole;

-un premio  per il mese di marzo 2020 ai lavoratori dipendenti, pubblici e privati, che abbiano continuato a lavorare nella sede di lavoro;

-per gli autonomi è previsto un indennizzo una tantum (l’indennità è prevista per professionisti e per i collaboratori, per gli stagionali, i lavoratori del turismo e delle terme, dell’agricoltura e anche per i lavoratori dello spettacolo);

-è consentito produrre mascherine chirurgiche in deroga alle vigenti norme. Le aziende produttrici che intendono avvalersi della deroga devono inviare all’Iss autocertificazione sulle caratteristiche tecniche delle mascherine, rispettando tutti i requisiti di sicurezza. L’Iss in 2 giorni si pronuncia circa la rispondenza delle mascherine alle norme vigenti. Confermati anche gli incentivi a fondo perduto alle imprese che già le producono;

– fondi per circa  50 milioni dati a  Invitalia da distribuire alle imprese per l’acquisto di guanti e mascherine.

Resta inteso che i provvedimenti su indicati sono ancora in fase di elaborazione e pertanto non definitivi;  il decreto definitivo verrà pubblicato e approvato appena possibile .

Please follow and like us: